blog di informazione e critica musicale a cura di Alessandro Romanelli

giovedì, marzo 03, 2011

Stasera nella Basilica di San Nicola il grande Claudio Scimone sarà premiato dall'EurOrchestra di Bari

Questa sera, alle ore 21,00, la Basilica di San Nicola farà da suggestiva cornice all’atteso ritorno in Puglia del celebre direttore padovano Claudio Scimone (nella foto), che guiderà l’EurOrchestra da camera di Bari nell’esecuzione del Concerto per violino e orchestra in re maggiore op. 61 di Ludwig van Beethoven (solista il violinista Michelangelo Lentini) e della Sinfonia n. 60 in do maggiore, soprannominata "Il Distratto", di Franz Joseph Haydn. Scimone verrà insignito nel corso della serata del Premio Internazionale "NOTE NELL’ OLIMPO - Ai Grandi della Musica del Nostro Tempo"; il premio, giunto alla VII edizione, è nato per offrire ogni anno un riconoscimento a figure artistiche che nel corso della propria carriera si sono particolarmente distinte nell’impegno di accrescere la cultura musicale internazionale. Non poteva dunque mancare nella galleria dei premiati un personaggio di caratura mondiale come Claudio Scimone, autentico mostro sacro e ambasciatore, unitamente ai grandissimi Solisti Veneti, della musica italiana nel mondo, che nel corso di una carriera ultra cinquantennale ha portato il nome dell’Italia sui più prestigiosi palcoscenici dei cinque continenti, ponendo sotto i riflettori del grande pubblico internazionali pagine e compositori, anche tra i meno conosciuti del repertorio barocco italiano. Scimone, classe 1934, si è formato alla grande scuola di Maestri ormai mitici quali Dmitri Mitropoulos e Franco Ferrara e ha avuto modo di dirigere per incisioni discografiche ed esibizioni dal vivo prestigiose compagini quali la Royal Philharmonic Orchestra di Londra, la Yomiuri Nippon Symphony Orchestra di Tokyo, l'Orchestre National de l'Opéra di Monte Carlo e la Gulbenkian Orchestra di Lisbona, della quale è tuttora direttore onorario, confrontandosi con interpreti del calibro di Sir James Galway, Salvatore Accardo, Uto Ughi, Ruggero Raimondi, José Carreras. Ma l’ensemble al quale il nome di Scimone è maggiormente legato è quello da lui fondato nel 1959, I Solisti Veneti. L’orchestra da camera nel corso degli ultimi cinquant’anni ha raggiunto vette ineguagliate nell’esecuzione del grande repertorio barocco italiano, eseguito con strumenti moderni, diventando l’interprete di riferimento a livello internazionale delle opere di Antonio Vivaldi, Tomaso Albinoni, Benedetto Marcello e Giuseppe Tartini, ricevendo prestigiosi riconoscimenti per le esecuzioni dal vivo e le numerose incisioni discografiche. La serata si aprirà sulle note del Concerto per violino e orchestra in re maggiore op. 61, composto da Beethoven nel 1806, ed è magnifica testimonianza di uno dei periodi di maggiore fertilità creativa del geniale compositore tedesco. Il concerto si snoda in tre movimenti (Allegro ma non troppo, Larghetto, Rondò: Allegro), ed è caratterizzato dal dialogo a distanza fra il violino solista e l’orchestra, per un’opera di indubbio fascino, alla quale non hanno saputo resistere i maggiori violinisti del mondo: solista per l'occasione sarà Michelangelo Lentini. La seconda parte della serata sarà incentrata sull’esecuzione della Sinfonia n. 60 in do maggiore, di Franz Joseph Haydn, terminata nel 1775, e soprannominata Il Distratto, ,in quanto riutilizza alcune parti musicali composte da Haydn per un’opera tratta da Le Distrait, di Jean-François Regnard: la sinfonia si articola in sei movimenti. Il concerto è a ingresso libero. Associazione EurOrchestra da Camera di Bari/ infotel. 0805744559 / www.eurorchestra.it - direzione@eurorchestra.it/ www.progettovallisa.it / info@progettovallisa.it EurOrchestra è anche su Facebook.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

 
Condividi
Wikio - Top dei blog - Musica